News

Giugno 2003

CONVEGNO NAZIONALE SUL RESTAURO AL CONVENTO DI SAN FRANCESCO

 Sarà Dino De Poli, presidente di Fondazione Cassamarca, a inaugurare il convegno nazionale sul restauro “Dalla reversibilità alla compatibilità” che si svolgerà nelle aule del convento di San Francesco dal 13 al 14 giugno 2003. Lo hanno annunciato oggi Pietro Dottor e Nicola Santopuoli della rivista di settore Arkos e docente della Facoltà di Architettura dell'Università di Ferrara.

L'iniziativa è organizzata da Arkos in collaborazione con la Fondazione Cassamarca e con il gruppo Dottor, sponsor dell'evento. La scelta della sede non è casuale. Il convento costituisce infatti un riferimento italiano per quanto riguarda l'applicazione di tecniche di restauro assolutamente in sintonia con i materiali e la storia del manufatto.

Alla due giorni coneglianese, che sarà inaugurata da Dino De Poli promotore e sostenitore del restauro dell'ex Convento, interverranno personalità molto note nel settore, provenienti da tutta Italia e da enti diversi.
Dopo il discorso di apertura del presidente di Fondazione, si alterneranno al tavolo dei relatori il Politecnico di Milano e quello di Torino, l'Università de L'Aquila, l'Università di Torino, l'Università di Genova, l'Opificio delle Pietre Dure, il CNR di Firenze, l'Università di Ferrara e quella di Reggio Calabria.
Fra le personalità di spicco del panorama veneto interverranno Giorgio Rossini, soprintendente per i Beni architettonici e il Paesaggio di Venezia, e Guglielmo Monti della Soprintendenza per i Beni architettonici e il Paesaggio del Veneto orientale.

L'edizione coneglianese è l'ideale prosecuzione del convegno svoltosi lo scorso anno al Politecnico di Torino sul tema della reversibilità.
Per Adolfo Pasetti, direttore di Arkos, e per Claudio Montagni, direttore scientifico della rivista, «Il convegno 2003 intende chiarire e approfondire il passaggio del concetto di reversibilità per i vari settori nei quali si articola il restauro dei beni culturali intesi nel senso più ampio, verso altri concetti che meglio rispondano alle esigenze applicative, intese sia come pratica di cantiere che come procedure di laboratorio».