lessphp fatal error: load error: failed to find /home/dottorgroup/public_html/wp-content/themes/theme58640/bootstrap/less/bootstrap.lesslessphp fatal error: load error: failed to find /home/dottorgroup/public_html/wp-content/themes/theme58640/style.less Villino Borghese

Location. Roma. 

Committenza. Partimmo S.a.s. 

Progettista. arch. Alberto Torsello. 

General contractor. Dottor Group, con l’incarico della progettazione strutturale, architettonica e degli impianti. 

Tipologia di intervento. Ristrutturazione e restauro conservativo. 

Restauro nel cuore della città

Un magazzino centrale nell’immediata periferia, un ponte con il cantiere servito da piccoli automezzi, per mantenere un flusso continuo di approvvigionamento delle merci, accessi tramite badge, per l’elevato numero di addetti ai lavori, controllati da un sofisticato impianto di videosorveglianza: per l’intervento di restauro e ristrutturazione del Villino Borghese a Roma sono stare risolte in questo modo le difficoltà logistiche determinate dalla posizione dell’edificio, situato in una zona a traffico limitato permanente con conseguenti restrizioni per l’operatività del cantiere. Senza rinunciare alla sicurezza: le opere sono state collaudate e consegnate nel pieno rispetto della tempistica prevista e senza aver registrato alcun infortunio sul lavoro.

Intervento

Indagini storiche e analisi di laboratorio. Il restauro è stato preceduto da un'approfondita ricerca storica e dalla diagnosi chimica dei materiali originali.

Intervento strutturale/architettonico. L’intervento ha riguardato le opere strutturali e tutti gli impianti meccanici, elettrici e speciali, oltre ai prospetti esterni e all’interno del palazzo, riportando la ridistribuzione interna del progetto originario. Per rispettare le scadenze concordate è stato necessario attuare una puntuale e rigorosa programmazione delle fasi di lavoro con elaborazioni di Gantt e P.E.R.T. e con puntuali verifiche sull’effettivo avanzamento.

Intervento artistico. I lavori hanno compreso anche il ripristino delle decorazione dei soffitti e dei fregi dipinti all'interno.
Nel restauro delle facciate si è operata la ricostruzione dei volumi di stucchi e di elementi decorativi. L’intervento, condotto con metodi e prodotti differenziati in base alle tipologie del degrado e alla diversità del materiale oggetto di deterioramento, ha visto una serie di fasi operative: consolidamento in superficie e in profondità dei supporti originali, pulitura meccanica o chimica delle superfici, trattamento biodeteriogeno, stuccatura e ricostruzione dei volumi, finitura e decorazione in finto travertino e protezione finale.

 

GALLERY